Tarquinia 5 Stelle

Consiglio comunale, bocciata la mozione M5S per ridurre le bollette dell’acqua all’arsenico

acqua_rubinettoMartedì scorso, durante la seduta del Consiglio comunale abbiamo potuto ascoltare e vedere dal vivo l’ennesimo atto d’arroganza di un sindaco che, abbandonando l’aula insieme alla sua giunta, nel momento in cui ci accingevamo a presentare la nostra mozione per  la riduzione delle bollette per l’acqua contaminata dall’arsenico, ha girato la spalle ai presenti e, a nostro avviso, all’intera cittadinanza.

Il sindaco – lui che, oltretutto, è la massima autorità sanitaria locale – non si è neanche preoccupato dell’offesa e dell’imbarazzo che ha arrecato all’intera assise, oltre che alla maggioranza che lo sostiene. Li ha lasciati lì, ad annaspare sulla mozione con repliche raffazzonate e pretestuose prive di ogni costrutto.

D’altra parte, l’atteggiamento sprezzante dell’insieme della maggioranza sul tema “arsenico” era stato ben anticipato sulla stampa, solo pochi giorni fa, da quel  campionario assortito della demagogia  “piddina” costituito dalla triade Parroncini-Dinelli-Grattarola.

Senza scomodare le “distratte maestà” forestiere, ci preme ricordare lo smemorato Alessandro Dinelli, che sino a qualche mese fa e per cinque anni consecutivi ha ricoperto il ruolo di presidente del Consiglio comunale – quello di Tarquinia (sic!) – seduto vicino al sindaco Mazzola e, insieme a questi, ha bellamente ignorato il problema “arsenico” che veniva sottoposto all’attenzione delle loro autorità con mozioni, petizioni e articoli vari sulla stampa. Non c’è neanche da dimenticare che Dinelli ha presieduto anche quel Consiglio in cui si approvò la delega a Mazzola per firmare l’accordo con Enel che avrebbe poi fatto confluire nelle casse del Comune la cifra di circa 14,5 milioni di euro in tre anni: grosso modo, il costo degli impianti di dearsenificazione per gran parte dell’intera provincia di Viterbo. Ma, a Tarquinia, si è scelto di costruire marciapiedi e spandere in giro ghisa, luci e panchine.

Il tutto mentre Mazzola, imperterrito, se ne usciva sulla stampa con delle reprimende furiose contro coloro che definiva “allarmisti”o con improbabili e fantasiose soluzioni ad un problema che, a breve, calerà sulla Città  con esiti costosissimi.  Bella figura, non c’è che dire.

Ai cittadini “cornuti e mazziati” ricordiamo che dal primo Gennaio 2013 l’acqua sarà, con ogni probabilità, dichiarata integralmente “non potabile”, ma le bollette emesse dal Comune di Tarquinia saranno ancora a “prezzo pieno”: comprese quelle delle attività “alimentari” le quali – in ottemperanza sia dell’attuale ordinanza sindacale, sia di quella che, presumibilmente, verrà pubblicata a Gennaio – dovranno attrezzarsi  in proprio (dearsenificatori o altro approvvigionamento) per preparare cibi e bevande con acqua certificata, senza arsenico.

Da martedì 30 ottobre 2012, giorno della negazione di una semplice riduzione dei costi per il servizio comunale idrico “difettoso”,  il M5S di Tarquinia avvierà incontri e consulenze con i propri legali finalizzate a presentare ulteriori istanze per la tutela della salute e delle tasche dei cittadini presso altre sedi.

M5S Tarquinia

 

About The Author

Leave A Response