Tarquinia 5 Stelle

Talete: inaccettabile il piano di rilancio, vogliamo coerenza e rispetto della volontà referendaria

acqua_pubblica_In riferimento alla recente richiesta avanzata dal sindaco Mazzola, relativa alla convocazione urgente di una riunione di tutti i sindaci in merito al piano di rilancio aziendale (Parca) elaborato dalla Talete Spa, il Movimento 5 Stelle di Tarquinia ritiene inaccettabile avallare un piano di rilancio che di fatto ribalta sui cittadini, attraverso il rincaro delle tariffe, i costi della fallimentare gestione del servizio idrico attuata dalla Talete nel corso degli anni.

In coerenza e nel rispetto della volontà referendaria manifestata nel 2011, recepita con legge regionale n. 5/2014, il Movimento 5 Stelle si sta adoperando affinché   nel breve periodo venga ultimato l’iter legislativo regionale necessario all’applicazione della predetta legge, la quale sancisce la ripubblicizzazione della gestione dell’acqua, bene primario inalienabile e non mercificabile, la cui gestione deve necessariamente rispondere a criteri solidaristici. In sostanza, la fruizione dei  beni primari, così come avviene per il servizio sanitario, deve essere garantita e finanziata dalla fiscalità generale regionale, la quale è tenuta a farsi carico delle criticità dei singoli territori.

Nello specifico, il Movimento auspica l’approvazione dei bacini idrografici delineati dai comitati per l’acqua e la gestione degli stessi ad opera di soggetti di diritto pubblico, così come stabilito dalla legge regionale 5/2014, mantenendo la gestione dell’acqua completamente pubblica e garantendo i livelli occupazionali.
In netto contrasto con la predetta normativa si pone invece la linea caldeggiata dalla Giunta Zingaretti, la quale, prevedendo un unico bacino idrografico, consegnerebbe nelle mani di Acea Spa, soggetto di diritto privato, la gestione del servizio idrico integrato del Lazio.

M5S Tarquinia

About The Author

Leave A Response